You are here: Home Cultura Personaggi Vespasiano I Gonzaga da Fondi

Vespasiano I Gonzaga da Fondi

E-mail Print PDF

Vespasiano I Gonzaga (Fondi, 6 dicembre 1531 – Sabbioneta, 26 febbraio 1591)  è stato un mecenate italiano.

Nacque da Isabella Colonna e da Luigi Gonzaga (1500-1532) a sua volta figlio primogenito di Lodovico, conte di Rodigo del ramo cadetto gonzaghesco di Gazzuolo e di Francesca Fieschi, dei conti di Lavagna. Il padre Luigi, condottiero di grande fama, nel 1527, prese parte al Sacco di Roma, guadagnandosi il boiardesco soprannome di "Rodomonte".
Vespasiano fu il fondatore, l'ideatore e il primo ed ultimo duca della città perfetta:Sabbioneta, sita nella bassa padana fra Mantova e Parma. Vespasiano la realizzò completamente nell'arco di circa trentacinque anni dal 1556 sino alla sua morte avvenuta a Sabbioneta nel 1591 secondo i canoni e i criteri del migliore rinascimento italiano.
Condottiero, abile diplomatico ma anche letterato, architetto militare e mecenate degli artisti, da semplice cadetto riuscì a raggiungere i più alti vertici feudali con l'innalzamento di Sabbioneta in Ducato autonomo nel 1577, grazie alla personale amicizia con Rodolfo II d'Asburgo, conosciuto alla corte reale spagnola, ove l'undicenne futuro sacro romano imperatore era stato inviato per migliorare la propria educazione, sotto la cura della zio Filippo II. A quell'epoca, Vespasiano era uno degli uomini di fiducia di Filippo II che lo nominò Grande di Spagna e poi Viceré di Navarra e di Valencia, prima di insignirlo, nel 1585, del Cavalierato dell'Ordine del Toson d'Oro, massima onorificenza della corona spagnola.
Ben presto orfano del padre ed abbandonato dalla madre, Vespasiano venne amorevolmente allevato dalla zia Giulia Gonzaga che, anche allo scopo di proteggerlo dal prevedibile intento della famiglia Colonna di eliminarlo per fini ereditari, si trasferì a Napoli con il nipote, abbandonando i possedimenti di Fondi. Seguendo l'epocale usanza di spedire i rampolli delle famiglie nobili presso le corti europee, allo scopo di migliorare la loro educazione e come atto di sudditanza alla corona, Giulia colse l'occasione di inviare Vespasiano presso la corte di Carlo V, allontanando maggiormente il nipote dalle possibili attenzioni della potente famiglia dei Colonna, che aveva molti interessi anche nella città partenopea.
Giunto nella capitale iberica, nel 1548, il giovane Gonzaga venne scelto quale paggio d'onore per l'infante di Spagna, il futuro sovrano Filippo II.

I suoi feudi comprendevano: in ambito imperiale, nell'Italia settentrionale, il Ducato di Sabbioneta, il Marchesato di Ostiano, la Contea di Rodigo e le Signorie di Bozzolo, Rivarolo Mantovano e Commessaggio; in ambito spagnolo, nell'Italia meridionale, il Ducato di Trajetto, la Contea di Fondi, la Baronia di Anglona, le Signorie di Turino e Caramanico.
Bibliografia

* Luca Sarzi Amadè "Il duca di Sabbioneta" , SugarCo 1990
* Vespasiano Gonzaga e il ducato di Sabbioneta [atti del Convegno, Sabbioneta-Mantova, 12-13 ottobre 1991], a cura di U. Bazzotti, Mantova 1993
* L. Ventura, Il collezionismo di un principe: la raccolta di marmi di Vespasiano Gonzaga Colonna, Modena 1997
* Vespasiano Gonzaga Colonna 1531-1591: l'uomo e le opere, [atti del convegno di studi, Teatro olimpico di Sabbioneta, 5 giugno 1999] a cura di E. Asinari, [Casalmaggiore] 1999
* Vespasiano Gonzaga Colonna duca di Sabbioneta e cavaliere del Toson d'oro, Sabbioneta 2001

da wikipedia.it



Add this page to your favorite Social Bookmarking websites
Reddit! Del.icio.us! Mixx! Free and Open Source Software News Google! Live! Facebook! StumbleUpon! TwitThis Joomla Free PHP
 

Fra'Diavolo

contatore