You are here: Home Eventi 1 Maggio a Roma con Ambrogio Sparagna

1 Maggio a Roma con Ambrogio Sparagna

E-mail Print PDF

SI CANTA MAGGIO sesta edizione- La festa del lavoro all’Auditorium di Roma con l’Orchestra Popolare Italiana e il Coro Popolare
Animazione, gastronomia, mostre,
balli e canti della tradizione popolare italiana
Una giornata di grande festa per celebrare il diritto al lavoro con la partecipazione di duecento musicisti,  cantori e danzatori provenienti da tante regioni italiane
1 MAGGIO 2013

AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA
SALA SINOPOLI,  FOYER SALA SINOPOLI
AREA PEDONALE GIARDINI PENSILI

Un progetto di Ambrogio Sparagna

Una Produzione Musica per Roma

Si Canta Maggio torna ad animare l’Auditorium Parco della Musica con artisti provenienti da tutte le regioni per festeggiare con i canti del lavoro il Primo Maggio. Una grande festa, un grande spettacolo, all’aperto e al chiuso, nell’Auditorium aperto al pubblico, dalla mattina alla sera.  
A partire dalle ore 10.30, nell’area dei giardini pensili del Parco della Musica, a ingresso gratuito, gastronomia, mostre, liuteria artigianale, musica, balli e canti tipici della tradizione contadina e  alle 13 merenda con fave e pecorino.
Alle 18, in Sala Sinopoli un grande concerto dell’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica diretta da Ambrogio Sparagna, il grande Coro popolare composto da oltre cento elementi diretto da Anna Rita Colaianni. Ospiti speciali di questa sesta edizione: il Coro dei bambini delle scuole elementari di Priverno  (Ist. Comp. S. Tommaso d'Aquino)e Sezze Romano (Ist. Comp.ValerioFlacco), e I cantastorie di Paternò.

Si Canta Maggio, giunto quest’anno alla sua sesta edizione,  è un omaggio ai canti di lavoro, a questa grande e importante forma di cultura sociale, testimonianza della perenne necessità di riaffermare il diritto al lavoro.  Il concerto di quest'anno è dedicato alla grande tradizione dei canti marinareschi, in particolare al repertorio tipico della tradizione veneziana, toscana, romana, napoletana, salentina e siciliana pubblicati nelle raccolte ottocentesche del  Foscarini, detto “El barcarol”, Tigri, Tommaseo, Molinaro del Chiaro, Zanazzo, Fuortes, Vigo e  del Pitré.
Si canta Maggio  è una manifestazione che evidenzia il legame di questa antica tradizione musicale sia con le feste contadine connesse al ciclo della primavera sia con le forme espressive del canto sociale italiano. Un genere che ha segnato profondamente la storia culturale del nostro Paese diventando con i suoi straordinari esempi musicali l’ideale colonna sonora di tutte le storiche battaglie sociali per il diritto al lavoro.


La manifestazione è prodotta dalla Fondazione Musica per Roma con la direzione artistica di Ambrogio Sparagna,




PROGRAMMA

Mattina

Area giardini pensili

Ore 10.30 - 17.00
A partire dalla mattina, nei giardini pensili del Parco della Musica avrà inizio la mostra mercato di prodotti enogastronomici a cura della Coldiretti (Mercato di Campagna Amica). La mostra mercato proseguirà per tutto il pomeriggio.
Nello stesso spazio saranno allestite mostre di strumenti musicali popolari a cura di artigiani liutai laziali, campani e lucani.

Ore 12.00    
spettacolo con il gruppo di Cantastorie di Paternò (CT), che proporranno una serie di brani  tipici dell'antica tradizione popolare siciliana

Ore 13.00
Distribuzione di fave, pecorino e vino bianco perpetuando l’antica usanza romana delle uscite fuori porta in occasione del primo maggio. Durante la degustazione si esibiranno i
gruppi  Paranza 'O Lione di Scafati e Zampogne del Cilento  (Campania).

Foyer Sala Sinopoli

I cartelloni dei cantastorie
Mostra a cura de La Casa del Cantastorie di Paternò.

Per la prima volta in Italia sarà possibile visitare presso il Foyer della Sala Sinopoli, una mostra di materiali originali appartenuti all’ultima generazione di cantastorie  attiva tra gli Anni ’50 – ’70  che le famiglie hanno voluto mettere a disposizione del pubblico dell’Auditorium.
Il ricordo di quella particolare forma di racconto, tipica dell’area della Sicilia orientale, non può prescindere dagli strumenti del mestiere che in questo caso constano di cartelloni colorati che i cantastorie utilizzavano per illustrare di volta in volta la storia raccontata.
Si tratta di opere provenienti dagli archivi delle famiglie paternesi Busacca, Paparo (Rinzino) e Trincale, realizzate per la maggior parte dal maestro Vincenzo Astuto di Messina.

Ore 18.00 - Sala Sinopoli
SI CANTA MAGGIO
Eccolo maggio fa fiorì l'ortica


Alle 18, in Sala Sinopoli un grande concerto dell’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica diretta da Ambrogio Sparagna, il grande Coro Popolare composto da oltre cento cantori diretto da Anna Rita Colaianni. Una produzione originale  con ospiti speciali: il Coro dei bambini delle scuole elementari di Priverno e Sezze Romano, un grande organico corale che, sotto la guida di A. Sparagna, ha preparato per l’occasione una selezione di canti di lavoro tipici della tradizione laziale; I cantastorie di Paternò, un gruppo di giovani attori-cantanti che ha dato vita a un progetto speciale di riproposta dell'antica tradizione siciliana dei cantastorie e che per lo spettacolo proporrà un tipico “contrasto” tratto dal repertorio di Cicciu Busacca (Lu gran duello tra la morte e lu miliardario).
Si Canta Maggio è un omaggio ai canti di lavoro, a questa grande e importante forma di cultura sociale, testimonianza della perenne necessità di riaffermare il diritto al lavoro. Il concerto di quest'anno è dedicato alla grande tradizione dei canti marinareschi, un genere musicale dalle origini antiche che ha fortemente influenzato la storia della canzone italiana. Nello spettacolo saranno proposti una serie brani originali tratti dalle più importanti raccolte italiane  ottocentesche di canti popolari e in particolare alcuni veneziani, toscani, napoletani, romani, pugliesi e siciliani. La documentazione di questo repertorio è contenuta in alcune importanti antologie di canti popolari fra cui quelle del Foscarini, detto “El barcarol”, Tommaseo, Tigri, Molinaro del Chiaro, Zanazzo, Fuortes, Vigo e  del Pitré. Di particolare rilievo poetico anche alcuni canti in gallo-italico, l'antico idioma medievale  ancora diffuso nell'area del messinese e in particolare nel territorio di San Fratello.
Si canta Maggio è una manifestazione che evidenzia il legame di questa antica tradizione musicale sia con le feste contadine connesse al ciclo della primavera sia con le forme espressive del canto sociale italiano. Un genere che ha segnato profondamente la storia culturale del nostro Paese diventando con i suoi straordinari esempi musicali l’ideale colonna sonora di tutte le storiche battaglie sociali per il diritto al lavoro.



SI CANTA MAGGIO 2013

Orchestra Popolare Italiana
dell’Auditorium Parco della Musica
diretta da Ambrogio Sparagna

Clara Graziano                 (organetto)
Ottavio Saviano                (batteria, cajon)
Alessia Salvucci             (tamburelli)
Cristiano Califano            (chitarra, chitarra battente)
Raffaello Simeoni            (voce, mandola, fiati popolari)
Diego Micheli                (contrabbasso)
Lucia Cremonesi            (viola)
Erasmo Treglia                (ghironda, ciaramella, violino a tromba)
Mario Incudine                (voce, chitarra)
Lavinia Mancusi            (voce, chitarra)

Eleonora Bordonaro            (voce)
Oreste Capoccia            (voce)
Davide Achino                (voce)
Fabia Salvucci                  (voce)


Cantastorie di Paternò

Giovanni Calcagno, Dino Librante Costa, Savì Manna, Salvatore Ragusa,
Salvatore Scandurra

Coro dei bambini delle scuole elementari di Priverno e Sezze Romano


Coro Popolare
diretto da Anna Rita Colaianni


Ambrogio Sparagna        (voce, organetti, direzione)



Add this page to your favorite Social Bookmarking websites
Reddit! Del.icio.us! Mixx! Free and Open Source Software News Google! Live! Facebook! StumbleUpon! TwitThis Joomla Free PHP
 

Fra'Diavolo

contatore